• mercoledì , 2 Dicembre 2020

Carpe diem

“Un giorno ti sveglierai e non ci sarà più il tempo di fare le cose che hai sempre sognato. Falle Adesso.” -Paulo Coelho

Perché aspettare sempre il momento in cui si ha la certezza di fare qualcosa? Gli avvenimenti di tutti i giorni fanno capire quando in realtà la vita sia breve e quante cose ognuno di noi voglia realizzare o provare prima che finisca. “Vivere” significa fare esperienza, significa provare cose nuove e questo lo si può fare solamente se ci “si butta” e si coglie il momento di una giornata per fare anche qualcosa di completamente inaspettato. Spesso ciò che frena è la paura. La paura che ciò che faremo o diremo non andrà bene, e che tutto il bene per cui si era intenzionati ci si ritorca contro senza dare la possibilità di spiegare o di mettere a poso le cose.

Ma se si ha paura vuol dire che allora durante il proprio percorso della vita non si farà mai niente, se prima non sono stati valutati i pro e i contro. Tutto quello che serve, a volte, è lasciarsi andare, lasciare che sia il caso a guidare le nostre azioni, perché ne potrebbe derivare qualcosa di davvero bello. I sogni sono ciò che ci permette di vedere oltre ai rischi, e di desiderare di fare qualcosa sebbene si sappia che non necessariamente andrà bene.

“Carpe diem”, diceva Orazio. “Cogli l’attimo”. Non ci si deve far frenare in tutte le situazioni dal timore che alla fine si possa ottenere un risultato non voluto. Bisogna cogliere l’occasione, per esempio, di dire certe parole in un determinato momento, di fare qualcosa che nessuno si sarebbe mai aspettato che tu facessi… A parole, alcuni diranno, è facile dirlo, ma quando ci si trova direttamente in quel momento o in quella situazione è diverso; è vero ora come ora non si potrà mai sapere cosa succederà nell’istante in cui si proverà o si farà tutto ciò, ma se tutte quante le volte si permette alle cose negative di frenarci e non darci la possibilità di commettere azioni e dire sempre la nostra, non ci sarebbero matrimoni, non ci sarebbero chiarimenti dopo un litigio per paura di un altro, non si potrà mai incontrare la persona giusta che si ricerca da tempo, e infine non si affronterà mai una vera e propria vita.

Non ci si deve far frenare in tutte le situazioni dal timore che alla fine si possa ottenere un risultato non voluto. Bisogna cogliere l’occasione, per esempio, di dire certe parole in un determinato momento, di fare qualcosa che nessuno si sarebbe mai aspettato che tu facessi…

Affrontiamo le nostre paure, buttiamo giù quei muri che impediscono ai nostri desideri di diventare realtà o almeno di provare ad esserlo, perché solo in questo modo arrivati alla fine potremmo dire di aver vissuto una vita bella e carica di significato. Perché fare qualcosa adesso, finché si può, significa non rimpiangere niente in futuro. Tutto questo vale soprattutto quando si è giovani ma anche quando si diventa adulti. Da giovani perché quella fase, è la fase in cui si può sbagliare, in cui si possono commettere errori perché solo grazie a questi si impara come e quando cogliere l’occasione in un determinato momento, e questo quando saremo adulti ci aiuterà ad affrontare molte altre situazioni anche “buttandosi” pur non conoscendone l’esito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi