• sabato , 7 Dicembre 2019

Fiere del fumetto nel mondo

Convention, incontri con gli autori, intrattenimento, sfilate di cosplay e acquisti: sono queste le caratteristiche principali che compongono una Fiera del Fumetto.
Durante queste manifestazioni i fan possono ottenere autografi dai loro autori preferiti, incontrare altri appassionati e, ovviamente, acquistare delle opere.

La maggior parte di queste fiere è nata a cavallo tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta. Alcune di queste manifestazioni nel tempo si sono espanse enormemente, passando da essere piccole comunità fino a contare più di centomila partecipanti.

È il caso, ad esempio, del Lucca Comics and Games. Fondato nel 1966 da un piccolo gruppo di appassionati, alla sua ultima edizione del 2019 ha ospitato quasi 270mila presenze. Viene considerata la fiera del fumetto più importante in Europa e la seconda al mondo. Non ci si stupisce, poichè l’Italia è uno degli stati con produzione di fumetti più elevata, seconda solo ad America, Giappone e Francia.
Tra fine ottobre e inizio novembre la cittadina toscana viene allestita per l’occasione con decine e decine di stand differenti, gli edifici diventano location di incontri e manifestazioni e per le strade è possibile assistere a sfilate di cosplayer.

In foto, il logo di una delle precedenti edizioni del festival

È impossibile parlare del Lucca Comics and Games senza citare il Festival de la Bande Desinée che si svolge in Francia, ad Angoulême.
Durante il suo svolgimento vengono conferiti numerosi premi a disegnatori o sceneggiatori di successo. In particolare si ricorda il Grand Prix de la ville d’Angoulême, assegnato annualmente a un autore con anni di esperienza e di contributo nel campo fumettistico.

Negli USA gli appassionati di comics hanno più occasioni durante l’anno di partecipare a una manifestazione sul fumetto. La più famosa e importante é sicuramente il San Diego Comicon, che si svolge a luglio nell’omonima città. Vengono organizzate numerose convention. In particolare, durante il Comicon viene anche assegnato l’Eisner Award, uno dei premi più prestigiosi conferiti negli Stati Uniti.

La folla impressionante vista dall’interno di una delle aree Comiket

Infine, detiene il primato di fiera fumettistica più estesa e con il maggior numero di presenze (circa 550mila persone per ogni edizione) il Comiket, organizzato a Tokyo, in Giappone, in due diversi weekend dell’anno, il primo a metà agosto e il secondo a fine dicembre.
Il festival è anche conosciuto per aver lanciato la moda dei cosplay: vestirsi come i propri personaggi preferiti è un modo divertente e originale per manifestare la propria passione.

Le Fiere del Fumetto sono un ottimo modo per condividere l’amore per la nona arte, ma anche una possibilità per chi ne ignora l’esistenza di conoscere una nuova realtà. Il fatto che così tante persone partecipino a questi eventi indica che, in ogni paese in cui l’arte del fumetto è radicata nella cultura nazionale, questa appassiona ancora oggi molte persone.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi