• giovedì , 1 Ottobre 2020

Il valore della famiglia

di Carlotta Arcostanzo

Da sempre siamo abituati ad avere l’appoggio di una famiglia che ci educa e ci indirizza verso la strada più giusta da seguire.

La famiglia è un insieme di componenti che si supportano a vicenda in qualsiasi situazione, senza giudicare e senza scendere a compromessi. Il valore che hanno una madre e un padre all’interno della vita di una persona è straordinariamente importante, non solo perché sono coloro a cui si è più legati fin dalla nascita, ma anche per l’educazione e i principi che trasmettono durante la crescita. Ed è grazie a quest’ultimi che un individuo si forma, diventa maturo, inizia ad essere più responsabile fino a farsi delle idee proprie , a volte anche diverse da quelle dei genitori.  Infatti, è l’educazione che viene trasmessa nell’età adolescenziale che plasmerà, in parte, la persona che diventeremo in futuro.

happy family, young child, father, mother

Nella formazione di qualsiasi individuo, si distinguono due fasi di crescita: quella infantile, in cui i figli danno peso alle figure genitoriali, dal momento che hanno desiderio di conoscenza e provano nei loro confronti un grande attaccamento, e quella adolescenziale, periodo di transizione tra l’infanzia e l’età adulta, nella quale, spesso, si entra in un vivido contrasto con le figure genitoriali, a causa dei cambiamenti fisici e soprattutto psicologici che hanno luogo. È in questo periodo di tempo che si formano il carattere e la personalità fino al raggiungimento di una maturità tale da poter ragionare e prendere decisioni senza più l’aiuto dei genitori.  I conflitti che si creano all’interno della famiglia, non sono altro che il risultato della crescita e dei cambiamenti emotivi e fisici di un adolescente. È per questo che, superato questo processo e trovato un certo equilibrio, un figlio riconosce tutti i sacrifici compiuti dai genitori. 

Spesso, chi cresce orfano di madre o di padre, sente indubbiamente la mancanza di uno o dell’altro, ed è provato come questa assenza possa portare non solo problematiche a livello emotivo, ma anche un grande senso di vuoto.  Esempi concreti di una tale mancanza riguardano difficoltà ad interagire con gli altri, bassa autostima, paura dell’abbandono, e ancora, problemi emotivi come ansia, depressione e aggressività. Ed è in questi casi che il compito dell’unico genitore deve essere ancora più efficace , dedicando più tempo ai figli ed essendo tollerante e paziente.

Inoltre, quello dei genitori , così come per i figli, è un compito piuttosto complesso. Si possono commettere errori da entrambe le parti, ma è proprio la consapevolezza di aver sbagliato che dà valore alla famiglia, che cresce insieme percorrendo un nuovo viaggio e che rende umano il rapporto. Dunque , non è assolutamente necessario puntare il dito o far crescere sensi di colpa, bensì migliorare dove si ha sbagliato e comprendere che esiste sempre la possibilità di scegliere se dare peso o meno alle influenze negative ricevute.

C’è chi, purtroppo, non ha la fortuna di avere una famiglia, ed è ciò che dovrebbe spronarci a ringraziare e , soprattutto, apprezzare tutti gli sforzi compiuti , nonostante gli ostacoli sul percorso.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Potrai visualizzare la lista dei cookies attivi e revocare il consenso collegandoti alla pagina http://ilsalice.liceovalsalice.it/cookie-policy/. Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy.

Chiudi